Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2014

Giornata Mondiale Contro La Violenza Sulle Donne

Immagine
"per quanto voi vi crediate assolti siete per sempre coinvolti" (Fabrizio De André)

Libri: "Bruce Talks - Interviste e narrazioni: 1973-2013"

Immagine
Di fronte ad un altisonante titolo come questo: Bruce Talks, che suona un po’ come il richiamo delle sirene per i marinai, nessuno si aspetterebbe che in realtà il libro è di una noia che demoralizza. Anche il sottotitolo dà addito a pensieri goderecci; infatti, quando si legge “interviste e narrazioni: 1973-2013” si crede veramente che in questo volume sia riportata la narrazione di un grande viaggio lungo le strade che hanno accompagnato tutta la carriera di Bruce Springsteen da quel famoso 5 gennaio 1973 al 2013.  Non illudetevi, non è così.
Certo il narratore dovrebbe essere uno di spessore, infatti, quello che parla è proprio lui il Boss, e “qualche” spunto interessante lo passa a chi sta leggendo, ma è tutto il contesto che suona come un’arpa in una stanza dove ci sono solo rumori di piatti rotti e pentole. Le interviste, raccolte dal curatore Teddy Clark, risultano, infatti, fini a se stesse, incastrate sì in un percorso cronologico ma senza un minimo d’introduzione all’argomento…

The Album Collection Vol. 1 (1973-1984)

Immagine
Si avvicina Natale e, come tradizione vuole, a Natale ci si fanno i regali. Quando, alcuni mesi fa, sul sito del Capo, comparve il post ufficiale di una futura uscita di un box-set che avrebbe “raccolto” tutti i suoi album del periodo 1973-1984, la tentazione di pre-ordinarlo è stata forte. Forse per spirito di collezionismo o, forse, per una sorta di feticismo (buono!) che contraddistingue lo spirito “springsteeniano” (per lo meno il mio), quando esce qualcosa di nuovo targato Springsteen si corre a prenderlo. In questo caso passato il periodo di entusiasmo iniziale diciamo che, adesso, ci sto ragionando sopra. Seppur non proprio in linea con la nuova editoria marcata Springsteen che ha preso un indirizzo un po’ singolare con pubblicazione di EP di scarso senso logico, cortometraggi abbastanza discutibili e addirittura un racconto-fumetto per ragazzi; questo cofanetto, per dirlo all’italiana, tutto sommato sarebbe potuto rientrare nei miei canoni di scelta. A mente serena però posso di…

Tracce autobiografiche dal 1973 al 1982: Used Cars

Immagine
Quando nel 1973 Springsteen pubblicò Greetings From Asbury Park, parve subito a tutti che quel barbuto ventiquattrenne dall’aspetto trasandato e dalla voce rauca stesse raccontando una parte di se attraverso le sue canzoni. L’elemento autobiografico fu uno dei principali collanti tra il nascere della stella Springsteen e il suo pubblico e, credo, fu anche parte del suo successo. Ognuno, ascoltando le canzoni di quello che poi diventerà il Boss, aveva come la percezione di esserne il protagonista perché erano, e sono, canzoni che raccontavano la vita di tutti i giorni e le storie di tutti i giorni. Piccoli sogni che cozzano contro realtà molto più grandi e incontrollabili quindi realtà di tutti i giorni, anche oggi. Greetings e The Wild sono l’immagine dello Springsteen giovane e a tratti allegro ma pur sempre “chiuso” nell’Asbury Park degli anni ’70. Consideriamo però che all’epoca, Bruce, fosse un ragazzo che in barba a tutto e tutti aveva un sogno nella vita e stava cercando di trasf…

A Night At Natalie's (1998) - Omaggio ad Harlem

Immagine
All’inizio furono le avventure del Tenente Kojak a raccontare la vita e il lavoro dei poliziotti di New York City. In quegli anni la Grande Mela era un’autentica città in preda alla criminalità sia quella considerata come “mafia” sia quella “artigianale” composta da piccoli criminali più o meno organizzati atti alle rapine, spaccio di stupefacenti, prostituzione e, talvolta, anche all’omicidio. Nelle rappresentazioni cinematografiche dell’epoca ricordiamo le diverse scene di Taxi Driver o del famoso film The Warriors che avevano come sfondo quartieri della metropoli americana letteralmente invasi da prostitute, magnacci, locali a luci rosse, gang in lotta e spacciatori. Nonostante l’impegno di Kojak negli anni ’70, e per buona parte degli anni ’80, nella Grande Mela non era tutto rose e fiori come si voleva far credere. La svolta avvenne a metà degli anni ’90 quando un avvocato di chiare origini italiane divenne sindaco della città; quell’italoamericano rispondeva al nome di Rudolph G…

The Last Time - Philadelphia '84 (6th night)

Immagine
TITOLO: The Last Time - Philadelphia '84 (6th night) ARTISTA: Bruce Springsteen and the E-Street Band. DATA: 18/09/1984 LUOGO: The Spectrum, Philadelphia PA 




Sesta notte consecutiva dallo Spectrum di Philadelphia ... Born In The USA American Tour
Tracklist:
Born In The USA Out In The Street Spirit In The Night Atlantic City State Trooper Reason To Believe I'm Going Down Darlington County Glory Days The Promised Land Point Blank I Fought The Law (The Crickets cover) Badlands Thunder Road Hungry Hearts Dancing In The Dark Cadillac Ranch Candy's Room I'm On Fire Cover Me Growin' Up Bobby Jean Jersey Girls (Tom Waits cover) Rosalita (Come Out Tonight) Santa Claus Is Coming To Town (Harry Reser and His Orchestra) Jungleland Born To Run Detroit Medley Twist And Shout (The Top Notes cover)  High School Confidential (Jerry Lee Lewis cover) Tenth Avenue Freeze Out Follow That Dream I'm A Rocker Stolen Car Racing In The Street
LINK: 1984 - Live At Pheladelphia (6th Night)




The Endless River ... of the Pink Floyd!

Immagine
Fin dall'annuncio della pubblicazione di un nuovo album targato Pink Floyd, i rumors e le notizie, hanno iniziato a correre; sulla stampa specializzata, sul web e attraverso il tam-tam sul social network attorno a “The Endless River” si è creato una sorta di “mistero” che, di fatto, non ha proprio nulla di strano. Nessuna fine del mondo pronosticata dai Maya e nessun evento catastrofico anticipato dai davidiani, nessun clamore per la proclamazione di un Papa nero e nessuna trepidante attesa per un nuovo domani per il miglior gruppo musicale del ventesimo secolo. Quanto ci sia di Pink Floyd dietro a “The Endless River”, è facilmente percepibile ascoltando i diciotto brani (ventidue nella versione deluxe) del disco. Se invece siete in procinto di cercare quanto ci sia di nuovo nel progetto, mi sa, che dovrete impiegare un bel po’ di tempo nell'ascolto; e senza risultato.  Sì, perché l’album non ha niente di nuovo da dire; è la pubblicazione di sessions scartate da "The Divisio…