Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2015

Fumetti: Tex l'eroe e la leggenda - Paolo Eleuteri Serpieri (2015)

Immagine
Ammetto di aver temuto il peggio una volta preso in mano questo volumetto e averne sfogliato velocemente le pagine; mai timore fu più infondato e ingiustificato. Certo bisogna essere di mentalità aperta e inclini alla novità per capire cosa c’è dietro a questa avventura di Tex, dal titolo Tex: l’eroe e la leggenda, realizzato in toto dalla sapiente mano di Paolo Eleuteri Serpieri.
Questo volume è un “fuori serie”, e lo capisce subito guardando la raffigurazione di copertina. Agli occhi poco attenti – ammetto di esserci cascato anch’io – quello che si vede sulla copertina di questo cartonato, ricorda i tratti fisionomici di Tex, ma è solo dopo approfondita analisi che si capisce che quello rappresentato è proprio lui, da giovane. Questo volume è un esperimento che vuole raccontare il capitolo zero della gloriosa storia del personaggio più amato del fumetto italiano. E per farlo Serpieri usa lo stratagemma del flashback; e chi meglio di un Kit Carson, vecchio, un po’ rimbambito e costretto…

Proviamo a cambiare noi e, forse, cambierà tutto il resto...

Immagine
Evviva! Evviva! L’ennesimo caso di demenza umana si è riproposto agli occhi di tutti. Roma, capitale mondiale della storia e della cultura; testimone millenaria della grandezza dell’uomo del passato, (quello definito crudele, quello delle guerre) è stata messa a ferro e fuoco dal secondo sacco dei lanzichenecchi quasi cinquecento anni dopo. Mentre tutto il mondo aspetta l’invasione dei nuovi mori dell’Isis ecco che invece arriva chi meno ti aspetti. Nascosti dietro a stendardi e scudi esattamente come i loro cugini germanici, i nuovi “barbari” scesi dalla “civile” Olanda hanno letteralmente devastato una città che già di suo vive, anzi convive, tutti i giorni con una serie di difficoltà oggettive che non possono essere tralasciate. Dietro a tutte le discussioni serie e a tutta la demagogia che in questi giorni inonderà televisioni, giornali e social media, che giustamente denuncia il fatto e lo condanna, sempre però senza approfondire le motivazioni e le cause, mi sovviene un pensiero da…

Lettera aperta (e un po' infantile) a Fabrizio De André

Immagine
La domanda che tutti ti vorrebbero fare è talmente banale che non mi sembra neanche il caso di fartela. Quello che mi chiedo, e che voglio chiederti, è se almeno ti sei reso conto, in questi  sedici anni, quello che hai fatto? Caro Fabrizio, sono certo che se fosse stato per te adesso saresti ancora qui con noi, magari nascosto nella boscaglia della tua amata Sardegna o forse lungo i caruggi della tua Genova ancora alla ricerca di tutti quei personaggi che in quasi quarant’anni di carriera hai raccontato a noi, a volte, distratti abitanti della vita. La realtà è che non ci sei più, forse non per scelta tua, ma sicuramente non ci sei più. Ti rendi conto di quello che hai fatto? Ti rendi conto che, decidendo di andartene, hai lasciato un vuoto forse incolmabile nella storia, nella società e nella musica. Ti rendi conto che tutta una generazione cresciuta nel mito dei RayBan e delle All Star oggi, alla soglia dei quarant’anni, sta vivendo l’immenso vuoto generazionale che hai lasciato quel…

Dischi: Live At Tower Theater (1975) - Bruce Springsteen

Immagine
Secondo tentativo in poche settimane di minare la “tenuta” di un portafogli che fa già acqua da tutte le parti. Il 10 febbraio 2015 sul portale ufficiale live.brucespringsteen.net compare il post che comunica alla categoria “talebani” (chiaramente in senso musicale) che, dopo la messa in vendita ufficiale di Live At Capitol Theater di qualche mese fa, è possibile pre-ordinare il formato CD (28$ + shipping), disponibile dal 10 marzo, o scaricare le versioni MP3 o FLAC del concerto Live From Tower Theater, Philadelphia del 31/12/1975; ovvero l’ultima data del tour di Born To Run, almeno così sembra dire il post tratto dal sito ufficiale e riproposto in calce. Come per quello precedente anche per questo “annuncio” trovo parecchie difficoltà nel resistere al richiamo delle sirene. Vedremo… Nel frattempo buon ascolto. (dal sito www.brucespringsteen.net)

TOWER THEATER 12/31/75

DEC. 31, 1975 UPPER DARBY, PA
The last night of 1975 was also the last night of the Born To Run Tour. Engineer Jimmy Iovin…

La guerra secondo Bruce Springsteen: Brothers Under The Bridge (1995)

Immagine
Si potrebbe scrivere un libro sulle antiwar songs composte da Bruce Springsteen nell’arco della sua carriera. Come abbiamo già avuto modo di vedere, l’esempio lampante è la famosa Born In The Usa, il Boss riesce ad essere contro la guerra senza mai abbandonare il suo comune denominatore, cioè l’uomo. Fin dai tempi dell’enigmatica Lost In The Flood, passando per Shut Out The Light per giungere alle più recenti Devils & Dust e Last To Die fino all’ultima (e bellissima) The Wall, Springsteen, ha sempre messo al centro della scena l’uomo. A differenza di altri suoi colleghi, molto più schierati e più attenti alla denuncia attiva contro l’atto bellico, Springsteen, fedele alla propria linea, ha scelto di raccontare quali sono le conseguenze della guerra. Nel 1995, ovvero l’anno di uscita del suo secondo album acustico The Ghost Of Tom Joad, Bruce riprese in mano il testo di una canzone composta nel 1983 e la rielaborò in chiave antiwar. Questa canzone è: Brothers Under The Bridge.
Una st…

Bruce Springsteen, Radio Broadcast WMMR-FM, The Main Point, Bryn Mawr

Immagine
Accadeva il 5 febbraio del 1975... ... in diretta radiofonica dal mitico The Main Point di Bryn Mawr, Pennsylvania, Bruce Springsteen & The E-Street Band alzarono il sipario sul loro nuovo album al quale stavano lavorando. Questo concerto, pur facendo parte del The Wild Tour, entrò di diritto nella storia come la prima presentazione radiofonica ufficiale di: Born To Run!!!
(Un ringraziamento a MsBrucejuice per il video - Thanks to MsBrucejuice for video)