Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2016

Anniversari: Buon Compleanno Patti Smith (2016)

Immagine
- di Nebraska78 - È una storia raccontata da migliaia di persone. È una storia che tutti sanno. È una storia di musica; una di quelle per cui vale sempre la pena di ripeterla. Nel periodo tra il 1977 e il 1978 l’inattività discografica dovuta al contenzioso tra lui e Appel non fermò la sete di fare musica di Springsteen. Quel periodo, forte di un sentimento di ribellione e frustrazione personale, diede vita a uno dei più prolifici momenti della storia artistica di Bruce. Album postumi al celeberrimo Darkness On The Edge Of Town, vedi Tracks ma soprattutto The Promise, testimoniano quanto materiale scorresse sotto la punta avvelenata della penna di Bruce. Tra queste canzoni ce n’è una che ha assunto un significato speciale; nel 1978 e anche oggi. La canzone è Because The Night. Scritta per essere una canzone d’amore da inserire nell'album in produzione, non trovò spazio negli angusti anfratti di Darkness e rischiò di diventare un outtake di lusso. Nel periodo di registrazione di Dark…

Concerti: Quando l'auditorium non bastò: Seneca College (Toronto) 21-12-1975 (Bruce Springsteen)

Immagine
- di Nebraska78 - Originariamente lo show previsto al Seneca College di Toronto (Canada) avrebbe dovuto tenersi al Minkler Auditorium ma, ben presto, l’organizzazione si trovò a fare i conti con le moltissime richieste giunte. Così, l’ipotesi di utilizzare quella sala, dalla capacità di 1000 posti a sedere, venne scartata e lo show venne ‘spostato’ al vicino Convocation Hall nell’Università di Toronto. Questa arena, con capacità 2000 posti, sembrò soddisfare il fabbisogno per il regolare svolgimento dello show. Ma quando si ha a che fare con certe persone non si ha mai la certezza del futuro. E infatti, ecco che l’organizzazione si trovò di fronte ad un’altra emergenza; in poco tempo le richieste aumentarono, soprattutto dopo che lo show venne pubblicizzato da una stazione radiofonica canadese. Terzo cambio di programma allora e ritorno al Seneca College che si vide costretto ad aprire le porte del Field House, l’auditorium più grande (3000 posti). Iniziò così la storia della terza tappa …

Presentazioni: Ringraziamenti

Immagine
Con la serata di ieri, nell’incantevole cornice della birreria Hop dell’amico Remo, si è concluso il minitour acustic-letterario 2016 di presentazione del libro “Da Randolph Street Al Nebraska – Il Mio Viaggio con Bruce Springsteen” e del disco “Via Emilia Shuffle” dell’amico, ormai compagno, Lorenzo Bianchi. Cosa dire. Archiviamo questo 2016 con molto orgoglio, in quanto, ogni tappa di questo minitour è stata un successo di pubblico e di critica. E, nel chiudere questo anno, ricco di soddisfazioni, vorrei spendere due parole per ringraziare. Prima di tutti il mio inseparabile compagno d’avventura Lorenzo Bianchi per la collaborazione e la complicità nel realizzare un qualcosa che, all’inizio, sembrava irrealizzabile. Passione e amicizia sono alla base di tutto! Vorrei ringraziare Luca “Mai” Magrassi e Giorgio Casanova (da poco membro del Circus) componenti della sezione ritmica e parte integrante del progetto. Insieme a loro rivolgo un ringraziamento particolare a Riccardo Sedini, lead…

Dischi: Biglietto Per L'Inferno (1974) - Biglietto Per L'Inferno

Immagine
Nel 1974, un gruppo lombardo dal nome bizzarro, Biglietto Per L’Inferno, incise il suo primo – e unico –LP da titolo omonimo. Affacciatosi sul panorama musicale senza molte pretese, il gruppo lecchese, capitanato da Claudio Canali (oggi eremita in un monastero) alla voce e al flauto, rischiò, fin da subito, di inabissarsi in quel profondo baratro che è stato il compound Prog per molti gruppi dell’epoca. Il progetto infatti nacque nel 1972 e la decisione di seguire l’ombra dei grandi gruppi progressive dell’epoca, quelli con la marcata vocazione al rock, sembrò non essere proprio quella giusta. Ispirandosi ai Genesis, ai King Crimson e agli storici Emerson, Lake & Palmer, i Biglietto Per L’Inferno, rimasero per qualche tempo nel limbo più nero della prog, proprio mentre i melodici PFM o i ‘cazzuti’ Area imperversavano. D’altronde il curriculum del gruppo sembra confermare questo concetto; ma non è il caso di farsi fregare dalle apparenze; e Biglietto Per L’Inferno lo dimostra. Vedi…