Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2017

Dischi: Helsinki 2012 (Bruce Springsteen & E-Street Band)

Immagine
Da qualche giorno è stata ufficializzata una nuova produzione, disponibile sul portale live.brucepringsteen.net, di uno dei più epici concerti della storia recente. Helsinki 2012, registrato il 31 luglio dallo Stadio Olimpico delle capitale finlandese, è da tutti ricordato come il più lungo concerto della storia del Boss. Aperto da cinque canzoni riproposte in chiave acustica, lo show dura complessivamente quattro ore e trenta minuti. Secondo il portale backstreets.com, il concerto, è trattato su come si possono abbattere delle barriere, siano esse temporali che fisiche, quando si parla di musica. Una scaletta da urlo mischia successi del passato a b-side non sempre facili da ascoltare come Be True e la bellissima Back In Your Arms. I soliti omaggi alla storia del rock questa volta sono Rock All Over The World di John Fogerty, Higher and Higher di Jackie Wilson e un omaggio particolare all’amico Little Steven VanZandt con la riproposizione del successo di Southside Johnny I Don’t Want …

Televisione: PV PUNTI DI VISTA del 24 05 17 - Due chiacchere sulla musica.

Immagine
L’altra sera a PV Punti di Vista si è acceso un bellissimo dibatto su un tema molto caro a tanti: la Musica.  Magistralmente mediata dal direttore dell’emittente televisiva, Stefano Calvi, la trasmissione ha aperto diverse finestre sul mondo musicale della provincia di Pavia e non solo. Sono felice di condividere il video, preso dal portale Youtube dell’emittente, che ripropone per intero la serata.
Buona visione.

Concerti: Live At Capital Center, Landover, MD - Eagles (1977)

Immagine
Live At Capital Center, Landover (Maryland) - 21 Marzo 1977.
Tracks:
1) Hotel California 2) New Kid In Town 3) Take To The Limit 4) One Of This Night 5) Lyin' Eyes 6) Rocky Mountain Way 7) Best Of My Love 8) Take It Easy
Riassunto della prima notte di Landover (Maryland) durante il tour di Hotel California. Enjoy the music...








Elogio alla solitudine (Fabrizio De André)

Immagine
Fabrizio De André - Elogio della solitudine

«[Anime salve] trae il suo significato dall’origine, dall’etimologia delle due parole “anime” e “salve”: vuol dire spiriti solitari. È una specie di elogio della solitudine.
Si sa, non tutti se la possono permettere: non se la possono permettere i vecchi, non se la possono permettere i malati. Non se la può permettere il politico: il politico solitario è un politico fottuto di solito. Però, sostanzialmente quando si può rimanere soli con sé stessi, io credo che si riesca ad avere più facilmente contatto con il circostante, e il circostante non è fatto soltanto di nostri simili, direi che è fatto di tutto l’universo: dalla foglia che spunta di notte in un campo fino alle stelle. E ci si riesce ad accordare meglio con questo circostante, si riesce a pensare meglio ai propri problemi, credo addirittura che si riescano a trovare anche delle migliori soluzioni, e, siccome siamo simili ai nostri simili credo che si possano trovare soluzioni anche pe…

Dischi: Concerto Grosso Per i New Trolls (1971)

Immagine
- di Nebraska78 - Siamo nel 1970 quando Vittorio De Scalzi, Nico De Palo, Gianni Belleno, Giorgio D’Adamo e la futura new entry, Maurizio Salvi, sposano una ‘strana’ idea covata da un compositore argentino, già famoso per le sue colonne sonore, che risponde al nome di Luis Enríquez Bacalov. I cinque, anzi sei, si ritrovano così negli studi Ortophonic Roma e danno il via alle prime registrazioni di quello che poi diverrà uno dei dischi progressive più importanti (e belli) di tutto il periodo d’oro di quel genere: Concerto Grosso Per I New Trolls. L’idea iniziale di Bacalov era quella di dare un volto nuovo alle sue composizioni, di natura classica, che avrebbero dovuto fare da sfondo al film di Maurizio Lucidi dal titolo "La vittima designata" con Tomas Milian. I designati a dare un seguito a quel progetto furono proprio i New Trolls che, nei due album precedenti, avevano dato prova della loro particolare attitudine a sviluppare la progressive in maniera globale senza però perd…

Recensioni: The Circle (2017)

Immagine
- di nebraska78 - The Circle è un film uscito nell’aprile di quest’anno ad opera del regista James Ponsoldt, che è anche sceneggiatore, che s’ispira al racconto Il Cerchio, scritto nel 2013, da Dave Eggers. Sebbene il tema sia d’attualità stretta, ormai i social network fanno parte della nostra vita e sotto un certo aspetto la condizionano anche pesantemente, il susseguirsi dei fatti narrati lascia qualche dubbio. Cominciamo dall’inizio, dal personaggio principale: Mae Holland (Emma Watson) è una giovane ragazza americana che vive con i genitori ai margini della Baia di San Francisco, in California. Impiegata presso una call-center che gestisce i servizi idrici, Mae sembra essere totalmente apatica alla vita di tutti i giorni. Forse la situazione che vive in casa – il padre è gravemente malato e la madre si danna l’anima per curarlo – o la sua insoddisfazione personale la rendono un personaggio anonimo e del tutto privo di colore. Nemmeno l’amicizia con Mercer (Eddie Coltrane) riesce a …